Attualità

Torna il Tango con “VOLVER – Sensaciones de Tango”

Un ritorno alla grande, dopo la pausa dovuta alla situazione pandemica, uno spettacolo di Tango Argentino all’interno della Rassegna “C’è Musica al tramonto“.

Un evento dove la danza più sensuale vivrà attraverso la musica, i passi e le parole, unico comune denominatore: la passione per il tango, in tutte le sue forme... ascoltato, ballato, suonato.

Sul palco i musicisti degli Ensemble Mariposa; i ballerini argentini Joe Corbata & Lucila Cionci e Angelo e Donatella Grasso, maestri dell’Academia Proyecto Tango Catania; ancora gli attori Marta Limoli, Elena Ragaglia ed Agostino Zumbo che interpreteranno i testi tratti dal libro ‘Lezioni di Tango raccontate da una principiante’, di Anna Mallamo. Le parole della giornalista calabro-sicula, nota col nome di battaglia di “Manginobrioches”, ci portano al ritorno, dopo quasi due anni di fermo forzato per il Tango, verso un territorio a forma di otto, obliquo ma frontale, fermo ma in movimento, stretto ma ampio, chiuso ma aperto, diritto ma rotondo: è il territorio del tango, misterioso e affascinante, dove ci conducono anche le parole di “Volver” che rappresentano un lato fondamentale di questo viaggio. Questa canzone meravigliosa, originariamente nata come tango argentino e trasformata divinamente, in seguito, in flamenco da Estrella Morente, è una poesia d’amore, ovvero storia del ritorno di un sentimento, di quelli che difficilmente si dimenticano.

Ma gli appuntamenti saranno due, ancora tango all’interno della rassegna estiva “C’è Musica al tramonto”, diretta da Paolo Li Rosi, venerdì 6 agosto con “TANGO SUITE – Histories de Tango”; questa volta musicisti, attori e ballerini ci racconteranno un viaggio che trae le mosse dalla fascinazione “subita” dall’autrice Nuccia Vona per il tango argentino. Il testo dello spettacolo offre al lettore l’opportunità̀ di approcciare l’essenza di un popolo di emigrati in Argentina che determinarono la nascita del ballo, descrivendo i sentimenti dei protagonisti che, in momenti diversi, hanno vissuto il tempo del tango nel profondo della loro intimità̀, attraverso un itinerario introspettivo ed emozionale di forte impatto. Il libro tocca il tema dei flussi che dall’Italia si dirigevano verso lidi lontani e della gente che andava alla ricerca di nuove opportunità̀ per sé e per i propri figli, inducendo ad una riflessione sui fenomeni dell’emigrazione e dell’immigrazione, oggi infatti è l’Italia, invece, a rappresentare un porto di approdo per chi nasce dall’altra parte del Mediterraneo. Guests argentini Walter Cardozo e Margarita Klurfan.

Etna in Scena

Torna sotto i riflettori la rassegna di musica, teatro e cabaret del comune di Zafferana Etnea, che offrirà al pubblico anche la possibilità di vaccinarsi nell’Hub situato a pochi metri dal teatro

Spettacolo, turismo e sicurezza. Sarà questo il leitmotiv della rassegna “Etna in Scena”2021, il cartellone estivo di musica, teatro e cabaret, promosso dall’amministrazione comunale di Zafferana Etnea, e giunto alla sua 23esima edizione.

Mai come quest’anno così tanti artisti di fama nazionale ed internazionale si esibiranno sul palco del teatro Falcone – Borsellino da luglio a settembre, in totale sicurezza, con la possibilità per turisti, visitatori, cittadini, anche non residenti nel comune, di potersi vaccinare, senza prenotazione, all’interno dell’Hub predisposto a circa 100 metri dal parco comunale.

Una rassegna da record, con oltre 18 big del mondo della musica e del teatro da Tosca (28 luglio), Levante (1 agosto), Arisa (2 agosto), a Roy Paci, Mario Incudine ed Eugenio Bennato (3 agosto), Nicola Piovani (6 agosto) per poi continuare con Samuele Bersani (13 agosto), Negrita (16 agosto), Subsonica (17 agosto), Umberto Tozzi (18 agosto), Aiello (19 agosto), Francesco Renga (20 agosto), Franco 126 (29 agosto) e Fabio Concato (31 agosto).

E poi ancora il cabaret di Roberto Lipari, direttamente da Striscia la Notizia (4 agosto), Manlio Dovì (21 agosto), Micaela Giroud, la regina della Stand Up Comedy italiana (24 agosto), Andrea Scanzi, giornalista e scrittore aretino (28 agosto) e l’esilarante trio Biagio Izzo, Stefano De Martino e Francesco Paolantoni (3 settembre).

Questa mattina nell’aula consiliare del comune, la conferenza stampa della kermesse alla presenza del sindaco, Salvatore Russo, il vice-sindaco, Ezio Pappalardo, l’assessore al Turismo e Spettacolo, Salvo Coco, il dirigente del settore I, Maria Grazia Ognissanti, gran parte della squadra di governo, insieme ai promoter degli spettacoli in rassegna e agli artisti protagonisti.

“Si rinnova l’atteso appuntamento con “Etna in Scena” – ha dichiarato il sindaco – e nonostante il problema del covid e della cenere vulcanica, soprattutto per le comunità pedemontane, come la nostra, abbiamo deciso di ripartire anche per rilanciare l’economia del territorio. Zafferana vuole tornare alla normalità partendo proprio dal turismo e dagli eventi che caratterizzano l’estate. Ma non solo, quest’anno grazie alla collaborazione con il commissario per l’emergenza covid di catania,, Pino Liberti, è stato predisposto, a pochi metri dal teatro, un centro Hub di vaccinazione che consentirà a quanti lo vorranno, turisti, visitatori, anche non residenti nel comune, di potersi vaccinare.”

Oltre 50 appuntamenti, per due mesi di spettacoli, da luglio fino a settembre.

"Da Zafferana parte un segnale di fiducia e ripresa per tutto il territorio siciliano – ha detto l’assessore Salvo Coco – e come amministrazione siamo più che mai convinti che la ripartenza economica e sociale dopo la pandemia sia legata a doppio filo al mondo della cultura e dello spettacolo. Una vocazione che Zafferana ha sempre interpretato, a beneficio di tutto l'hinterland catanese e dell'intera isola. La rassegna 'Etna in Scena' di quest'anno, conta un numero di grandi artisti mai visto nelle precedenti edizioni. Ben 18 big hanno scelto la nostra kermesse per tornare a incontrare il pubblico siciliano. Questo ci rende orgogliosi e determinati a portare avanti la rassegna con il massimo impegno”.

Protagonista d’eccellenza sarà la grande musica con alcuni dei più noti cantanti del panorama musicale nazionale. Sarà Tosca a dare il via ai concerti dei big, il 28 luglio, con il suo “Morabeza”, il nuovo lavoro discografico in studio nato al termine di un tour mondiale durato tre anni, dal cui resoconto filmico l’artista ha ideato il documentario il suono della voce, prodotto da Leave e Rai Cinema per la regia di Emanuela Giordano, presentato in anteprima assoluta il 22 ottobre alla Festa del Cinema di Roma, nella sezione autonoma Alice nella città, Panorama Italia.

In primo piano anche “Zafferana jazz festival” che quest’anno darà vita ad un festival dedicato al jazz del Mediterraneo, il “Respiro del Vulcano”. Stasera sul palco l’israeliano Amir Gwirtzman coi suoi 25 strumenti a fiato, cornamusa orientale inclusa e a seguire in prima nazionale assoluta, l’ultimo lavoro della cantante e compositrice siciliana Daniela Spalletta. Venerdì 23 luglio Rosalba Bentivoglio “Suoni di Pietra Lavica” con il suo quintetto e la danzatrice butoh Valeria Geremia. Sabato 24 luglio la prima nazionale assoluta de “I Siciliani”, album scritto a quattro mani dalla pianista messinese Cettina Donato e dell’attore Ninni Bruschetta. Nelle sere del 22, 23 e 24 luglio, le strade e le piazze della città vedranno l’esibizione della Size 46 Street Band.

Cabaret made in Sicily con il Gatto blu con Gino Astorina, Luciano Messina, Nuccio Morabito e Francesca Agate,(12 agosto) e i Trequartisti con lo spettacolo “Facce da Covid” (26 agosto) e poi il teatro con: Ars Theatri con “A bizzocca” (27 luglio), Teatri-street “Una storia un po’ così, Ulisse e Polifemo nella doppia data alla Cisternazza di Pisano (28 luglio) e alla Palazzina Liberty (31 luglio),Val Calanna Teatro, con il trentennale (29 luglio) e il “Ratto delle Sabine” (11 agosto) e l’ Associazione Truecolors in chiusura il 5 settembre.

Del cartellone eventi fanno parte anche: Tony Colapinto e lo spettacolo, “Modugno”, una storia da cantare” (25 luglio), il musical revue “C’era una volta il Night” di Alberto Asero e Salvo Troina (30 luglio), Bluesound2- un omaggio da Frank Sinatra a Michael Bublé (31 luglio), Mondi lontanissimi - omaggio al grande maestro Franco Battiato (15 agosto), Sicilian Horn Ensemble che proporrà le più belle colonne sonore del cinema mondiale (22 agosto), Daniele Smeraldi - band notte italiana (25 agosto) e infine jazz e musica leggera con l’Aetna Musicorum (1 settembre).

Dal 7 al 9 agosto tutta la comunità zafferanese di fedeli celebrerà la Santa Patrona, S. Maria della Provvidenza, cui seguirà giorno 10, il concerto a cura dell’associazione Corpo Bandistico Zafferana - Note sotto il Vulcano.

A completare il cartellone l’ormai consueto “Incontriamoci” a cura del dottor Noè, in programma il 5 agosto, e “Calici di stelle” al parco comunale il 14 agosto.

Mostre d’arte per tutto il periodo degli spettacoli all’interno della galleria dell’associazione Zafferana Etnea in via Roma, 357: dal 10 al 16 luglio Debora Vasta, dal 17 al 23 luglio Corrado Iozia, dal 24 al 30 luglio Enza Sorbello, dal 31 luglio al 6 agosto Maria Motta, dal 7 al 13 agosto Benedetto Strano, dal 14 al 20 agosto Graziella Bonaccorsi, dal 21 al 27 agosto Manuela Privitera ed Enzo Chiavetta, dal 28 agosto al 3 settembre Concetto Orofino e dal 4 al 18 settembre Graziella Torrisi.

Fino al 5 settembre presso la villa comunale Castorina, in via dei giardini, sarà possibile ammirare l’esposizione di manufatti artigianali a cura dell’associazione “Impara l’arte”.

È possibile acquistare i biglietti presso i circuiti Ticket One, Box Office, Ciao Tickets e la tabaccheria Bella in via Roma a Zafferana.

ACCIONA ALL’ “ECOMED 2030” IN SICILIA PER PRESENTARE I NUOVI DISSALATORI

La società spagnola leader mondiale nella gestione del ciclo integrato dell’acqua, ha condiviso tutti i vantaggi che la Sicilia potrebbe trarre dall’implementazione degli impianti di desalinizzazione con la tecnica dell’osmosi inversa durante il panel “Dal mare, l’acqua per resistere al climate change”

Con un lungo portfolio di best practice in tutto il mondo e anche alle isole Pelagie, con Pantelleria, Lampedusa e Linosa, il colosso spagnolo Acciona è stato protagonista di Catania 2030 – Green expo del Mediterraneo l’evento di riferimento nel settore dell’acqua e clima. Durante la tre giorni, sono state portate sul tavolo del confronto, con gli stakeholder e con il governo regionale, le tecniche più innovative per la creazione di un sistema idrico efficiente in tutta la Sicilia, che integrino la sostenibilità ambientale con quella economica, ma soprattutto risolvano l’annosa questione dell’approvvigionamento dell’acqua, anche attraverso la desalinizzazione con l’innovativa tecnica dell’osmosi inversa.

È per questo motivo che è stato organizzato un panel dal titolo “Dal mare, l’acqua per resistere al climate change” al quale hanno partecipato, tra gli altri, il country manager di Acciona, l’ingegnere Luigi Patímo, l’AD di Althesys, il Prof. Alessandro Marangoni, il referente di Utilitalia, Renato Drusiani, il professore dell’Università di Palermo Rosario Mazzola e il dirigente generale DRAR, Calogero Foti.

“Il reperimento e la produzione dell’acqua potabile in Sicilia – dichiara l’ingegnere Patimo – sono questioni di emergenza a cui auspichiamo la politica dia risposte concrete, prevedendo interventi tempestivi. Tutto ciò, non solo riguardo alle isole minori, ma anche nelle zone particolarmente siccitose della Sicilia. Durante il nostro panel, c’è stato un confronto con i massimi esponenti del mondo accademico, per condividere tutti i dati scientifici ed economici che provano la necessità dei dissalatori nell’Isola. Il costo dell’acqua dipende principalmente dal suo trasporto, che poi provoca anche un impatto ecologico sul pianeta. Con i nostri impianti idrici, rendiamo potabile l’acqua del mare con un costo anche al di sotto di 1 € per metro cubo, al posto dei 15 euro di quella che viene trasportata con le navi che inquinano a dismisura”.

Dal Quatar, all’Inghilterra, passando per Hong Kong fino al Venezuela; e poi ancora dall’Australia alla Spagna: nel mondo sono 135 milioni le persone che beneficiano già dell’attività virtuosa della società spagnola leader nella gestione del ciclo integrale dell’acqua. Acciona, con la tecnica della dissalazione per osmosi inversa, assicura l’approvvigionamento in quei territori privi di risorse idriche, ma soprattutto la riduzione degli sprechi che, solo al Sud Italia, raggiungono in alcuni casi la preoccupante soglia del 60%.

Un argomento caldo in tutto il pianeta, ma ancor più nell’Isola siciliana, che molti studi danno in un processo inarrestabile di desertificazione.

“La dissalazione – dichiara il professore Marangoni – rappresenta il modo migliore per risolvere il problema del cambiamento climatico, ma in Italia solo l’1% degli impianti produce acqua attraverso questi processi. Nel Paese, negli ultimi 40 anni, abbiamo perso una grande disponibilità idrica e le risorse sono in esaurimento. La mancanza d’acqua mette in crisi la popolazione e tutte le attività produttive ecco perché bisogna trovare delle soluzioni e bisogna farlo adesso”.

Il proposito di Acciona è quello di integrare in Italia il sistema di dissalazione a quello idrico, capace di fare affrontare a costi ridotti i frequenti periodi siccitosi. Gli impianti di desalinizzazione potrebbero, infatti, aiutare a fronteggiare la scarsità idrica, abbinati ad installazioni di generazione elettrica anche da fonti rinnovabili.

Produrre acqua dove non ce n’è, eliminando trasporti e ulteriori aggravi per le amministrazioni regionale e locali, consentirebbe anche all’isola un nuovo impulso, anche turistico. Quelli di Acciona sono impianti consentono di produrre l’acqua dove non è presente e molti degli interventi per la loro costruzione potrebbero entrare a pieno titolo nel Piano nazionale di rilancio e resilienza (Pnrr) in corso di definizione.

Dal panel promosso da Acciona la proposta di dialogare, anche in Sicilia, con un’autorità idrica territoriale integrata, in maniera proattiva, per la pianificazione e la gestione complessiva degli utilizzi idrici, attraverso soluzioni win-win che coinvolgano, in modo coordinato, i vari settori: energia, industria, agricoltura, utility.

“In Sicilia – ha concluso il professore Mazzola – abbiamo bisogno di programmazione con uno strumento amministrativo omogeneo. La produzione di acqua dolce può avvenire dal mare. Basta stabilire i corretti investimenti”.

Gianna Azzaro e l’Associazione Culturale Mint Comunication presentano Premio Taormina Gold

Cultura, Spettacolo, Informazione Scientifica e Solidarietà sono da sempre i punti cardine che stimolano l’empatia della comunità verso i temi di principale interesse sociale. E così, dopo l’indiscutibile successo degli anni scorsi, torna l’attesissimo Galà Exclusive, Premio Taormina Gold.

La Perla dello Ionio farà da cornice allo spettacolo, che vedrà le performance dei protagonisti in scena nello splendido scenario del Teatro Antico di Taormina. Giovedì 15 luglio 2021, alle ore 19,30 avrà inizio un momento “glamour” in pieno stile “Dolce Vita”, che porrà al centro, con interesse divulgativo, la solidarietà su un piano etico e sociale.

Il Teatro Antico di Taormina, sarà trasformato in una “passerella unica” su cui si alternerannobrand consolidati ed eccellenze nel campo della Cultura, della Moda, dello Spettacolo e della Scienza.

Regia, Organizzazione e Produzione sono ad opera di G.A.R Eventi di Gianna Azzaro e l’Associazione Culturale Mint Comunication. La direzione del coordinamento e la progettazione degli spazi sono affidati ad Alessia e Rosario Rapisarda.

 

Nell’ambito della serata saranno assegnati i “Premi Taormina Gold” alla carriera.

Medicina: Prof. Calogero Grillo, Direttore Clinica Otorinolaringoiatrica Università di Catania; Prof. Alessandro Cappellani, Direttore Dipartimento Chirurgia Generale e Specialità Medico Chirurgiche Università di Catania.Fiction Televisiva: Pietro Genuardi (Il paradiso delle Signore – Armando)Moda: Impero Couture, Presidente Luigi Auletta; Gerardo Sacco; Eleonora Altamore Fashion Designer; Gianni Molaro Haute Couture; Accademia di Belle Arti, con sfilata diretta dalla Prof.ssa Liliana Nigro.Giornalismo: Rosanna Lambertucci, Giornalista Scrittrice.Cinema Spettacolo: Simona Izzo, Attrice, Regista, Conduttrice Televisiva; Ricky Tognazzi, Attore, Regista, Produttore Cinematografico; Manlio Dovì, Attore, Cabarettista, Imitatore.

Main sponsor e premiati per l’imprenditoria: Camporè, Tenute San Lorenzo; Mangiatorella; Francesco Ventura, Costruzioni Ferroviarie Srl; VI.D.R., Opere Generali e Specializzate; Gidafer srl, Impresa Lavori Ferroviari

 

Premio speciale alla carriera per l’Ing. Angelo Di Marco della F.C.E. Metropolitana di Catania.

L’evento è in collaborazione con, MARIS “Associazione malattie reumatiche infantile Sicilia”, Presidente Patrizia Cavallaro e Responsabile del centro di riferimento Malattie reumatiche infantile de Policlinico di Catania Dott.sa Patrizia Barone, Rotary Club di Catania Est e Club di Sorrento, A.M.M.I. sez. di Catania, Accademia Belle Arti di Catania, Museo Correale di Terranova Sorrento, Globus Television.

Presente anche l’Orchestra di Fiati Città di Misterbianco, diretta dal M°Emanuele Mirulla e Vulcanica Brass Ensemble responsabile Carmelo Sapienza. Le creazioni di Andrea di Stefano per le modelle di assistenti di palco.

Conducono la serata, Patrizia Pellegrino e Ruggero Sardo.

 

Il Premio Taormina Gold, in particolare, per i brand e le aziende del settore, è in assoluto un punto di riferimento nel Sud Italia, un momento imprescindibile per aumentare la propria notorietà, anche attraverso format che abbandonano il modello tradizionale.

La manifestazione sarà svolta nel rispetto delle normative covid.

 



LaSicilia 

 


 

grafica pubblicitaria 

 


RadioAlternativa solomano

 

download

 

images

Archivio Articoli